La pace è una “virtù attiva”, che richiede l’impegno e la collaborazione di ogni singola persona e dell’intero corpo sociale.

by Papa Francesco

  • Home

Appuntamenti dal 16 al 21 gennaio 2017

Riprende l'ordinaria attività della parrocchia con gli appuntamenti settimanali:

  • Martedì alle 16 catechesi per gli adulti
  • Mercoledì alle 18 incontro sul Vangelo della Domenica "Parola da mangiare"
  • Giovedì alle 16.30 Adorazione Eucaristica
  • Venerdì alle 16.30 L'Ora dedicata alla Divina Misericordia - alle 20.30 incontro del gruppo M2G
  • Sabato alle 15.30 catechismo ed oratorio
  • Da giovedì 26 gennaio alle 20.30 parte il corso di catechismo per gli adulti che desiderano ricevere il sacramento della Cresima.

Epifania 2017

di don Luigi Maria Epicoco

Epifania 2017

Nell'epoca dei selfie è difficile comprendere la logica dell'Epifania, che è la festa della manifestazione del volto di un Altro, non del nostro. Il volto di un bambino adagiato in una mangiatoia. L'unico Volto che può raccontarci il nostro. La nostra fede è la ricerca di questo Volto, come qualcuno che avendo sete cerca l'acqua in ogni dove. Finchè la nostra fede non diventa un "volto" e rimane dottrina, allora noi non possiamo dirci davvero cristiani. Chi ama non si accontenta delle informazioni sull'amato, ne vuole il volto. #epifania

Dolcificanti a basso costo (riflessioni davanti il presepe)

di don Luigi Maria Epicoco

Dolcificanti a basso costo (riflessioni davanti il presepe)
“Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: "Ecco l'agnello di Dio!"”. Se il nostro parlare da cristiani corrispondesse pienamente a questa indicazione che ci viene dal Vangelo di oggi, certamente le nostre parole risulterebbero meno banali, meno contorte e più infuocate. Perché Giovanni parla solo dopo aver fissato lo sguardo su Gesù. La credibilità del nostro cristianesimo non è data innanzitutto da ciò che diciamo, ma su chi abbiamo fissato il nostro sguardo. Come cristiani abbiamo smesso di essere incisivi come Giovanni Battista per diventare semplici distributori di miele a basso costo. Siamo passati da essere “luce e sale”, ad essere quei dolcificanti sintetici che non avendo niente di reale, zuccherano le cose solo per suggestione psicologica. Se tornassimo a fissare lo sguardo su Cristo (anche solo nell’Eucarestia in adorazione), forse otterremo lo stesso dirompente effetto: “E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù”. Io non lo so se la gente sentendo parlare noi gli viene voglia di seguire Cristo o invece gli viene voglia di scappare. Perché la vera umiltà è sapere che noi siamo utili non quando ci mettiamo a rispondere alle grandi domande che le persone si portano dentro (“Che cosa cercate?”), ma quando non abbiamo paura di indirizzarle a Cristo, perché Lui è l’unica vera Risposta. ‪#‎dalvangelodioggi‬

Interiorità e semplicità: Buon 2017 a tutti

di don Luigi Maria Epicoco

Interiorità e semplicità: Buon 2017 a tutti

"Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore". Quando pensiamo a un nuovo anno che si affaccia davanti alla nostra vita, forse la cosa che ci viene più spontanea domandare è la forza per poter affrontare tutto ciò che ci aspetta di bello o di brutto. Ma il Vangelo di oggi ci suggerisce un'alternativa, un dono che oserei dire essere più importante della stessa forza, o che ne è la vera fonte: un cuore. Ma non intendo il cuore come un serbatoio di buoni sentimenti, ma un cuore come un'interiorità capace di farci rendere conto di ciò che ci accade. Infatti noi tendiamo a vivere tante cose senza però domandarci o comprendere mai il vero significato. L'interiorità è quel luogo dove le cose belle e le cose brutte vengono messe a "decantare", e (senza giocare troppo con le parole) proprio per questo a un certo punto cominciano a "cantare", cioè a rivelarci il significato nascosto. Il cuore, un pezzo di silenzio, la capacità di pregare raccogliendoci dentro noi stessi, ci rida' una vita non più fortunata, ma più significativa. È questo uso del cuore come Maria, la preghiera che dobbiamo imparare. E forse dai pastori dobbiamo prenderci la semplicità. A chi semplifica Dio si fa conoscere; a chi complica Dio rimane sconosciuto. Allora interiorità e semplicità!! Buon anno!! #dalvangelodioggi

Venne la luce vera, e le tenebre non l'hanno vinta (riflessioni davanti al presepe alla fine dell'anno)

di don Luigi Maria Epicoco

Venne la luce vera, e le tenebre non l'hanno vinta (riflessioni davanti al presepe alla fine dell'anno)

Quando si arriva alla fine (qualunque essa sia) bisogna sempre ripensare l'inizio. Sarà questo il motivo per cui l'ultimo giorno dell'anno la liturgia ci fa rileggere il prologo del Vangelo di Giovanni. Una pagina densa, affascinante ma anche a tratti oscura. Eppure riletta alla fine di un percorso diventa chiarissima. Infatti la gratitudine vera che dovremmo avere, non consiste nel dire grazie perché è sempre andato tutto bene, ma perché nonostante non sia andato tutto bene siamo arrivati alla fine, e in fondo al cuore abbiamo sempre saputo che c'era del bene anche quando attraversavano le tenebre. Senza questa fiducia irrazionale (nel senso che non veniva da chissà quale ragionamento, c'era e basta) non saremmo mai andati avanti, non avremmo mai messo il passo successivo. Credo che questa fiducia di fondo nella vita sia uno dei doni più belli che Dio ci abbia fatto. Questo prologo lo ha scritto nel profondo di noi stessi. In fondo a ciascuno di noi sappiamo che "venne la luce vera, e le tenebre non l'hanno vinta". Ecco un buon motivo per dire grazie oggi: non credere più alle tenebre perché non avranno mai e poi mai l'ultima parola. Potremmo perdere anche tutte le nostre battaglie, tutte, ma la buona notizia è che la guerra l'ha già vinta Lui per noi. #dalvangelodioggi

Desiderare più famiglia che la morte di Erode (riflessioni davanti al presepe)

di don Luigi Maria Epicoco

perez familiaNon sono le condizioni economiche o l'assenza di problemi a rendere una famiglia una buona famiglia. La forza di una famiglia risiede nelle relazioni. Quando le relazioni sono buone, tu puoi affrontare tutto, anche la povertà, anche Erode, anche un viaggio della speranza. Gesù nasce povero, ma ha tutto il necessario per poter vivere, ha Giuseppe e ha Maria. È povero di cose, ma non contano le cose, infatti magari noi abbiamo tante cose ma non abbiamo relazioni affidabili che ci aiutino ad affrontare senza angoscia la vita con i suoi Erode. Dovremmo desiderare più "famiglia" e meno morte di Erode, perché morto un Erode ne nasce un altro, ma se tu sei amato e voluto bene, troverai sempre una via d'uscita. Ma se tu non ti senti amato e voluto, nemmeno la morte di Erode placherà la tua rabbia, anzi lo rimpiangerai, almeno avevi qualcuno con cui prendertela. #dalvangelodioggi

A servizio del dono di Cristo: chiamati a donare ciò che abbiamo ricevuto!

Parrocchia S.Agata V.e M. - Opera don Luigi Guanella - Ferentino - Telefono e fax: 0775395146; mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
site: www.parrocchiasantagata.com
social facebook box white 24social twitter box white 24friendfeedyoutube-logo

Twitter's page

News

New.VA

Il Papa rende l'ultimo omaggio al card. Agustoni

Stamane in San Pietro, Papa Francesco ha dato l'ultimo saluto...

​Messa a Santa Marta - Divieto di parcheggio

Il cristiano, consapevole che «Dio non delude», deve sempre avere «orizzonti...

Migranti e pace nell'udienza del Papa al presidente della Guinea

Lo sviluppo integrale della persona, la preservazione dell’ambiente, la lotta...

Papa in parrocchia a Guidonia: testimoniare Gesù, senza chiacchiere

Dare “testimonianza di Gesù” con esempi di vita cristiana, azioni...

Il Papa: adottare ogni misura per proteggere i minori migranti

“Nostri piccoli fratelli”, “esposti a tanti pericoli”. Così il ...

Francesco incontra Abbas: riprendano negoziati di pace diretti

Francesco ha ricevuto stamani in udienza il presidente dello Stato...
News

Diocesi

Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani 2017

«L'amore di Cristo ci spinge verso la riconciliazione» è il...

Ascolta il messaggio di auguri del Vescovo Ambrogio

«Vorrei che a tutti giungesse l'augurio per questo Natale difficile:...

Natale 2016

Puoi ascoltare il messaggio di auguri del Vescovo Ambrogio cliccando...