• Home

(s)provveduti agnelli in mezzo ai lupi #dalvangelodioggi

di don luigi maria epicoco

(s)provveduti agnelli in mezzo ai lupi #dalvangelodioggi

In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”. Ma quando entrerete in una città e non vi accoglieranno, uscite sulle sue piazze e dite: “Anche la polvere della vostra città, che si è attaccata ai nostri piedi, noi la scuotiamo contro di voi; sappiate però che il regno di Dio è vicino”. Io vi dico che, in quel giorno, Sòdoma sarà trattata meno duramente di quella città». I settantadue tornarono pieni di gioia, dicendo: «Signore, anche i demòni si sottomettono a noi nel tuo nome». Egli disse loro: «Vedevo Satana cadere dal cielo come una folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra serpenti e scorpioni e sopra tutta la potenza del nemico: nulla potrà danneggiarvi. Non rallegratevi però perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli».

Dritto! Direzione Gerusalemme! (#dalvangelodioggi)

di don luigi maria epicoco

Dritto! Direzione Gerusalemme! (#dalvangelodioggi)

Mentre stavano compiendosi i giorni in cui sarebbe stato elevato in alto, Gesù prese la ferma decisione di mettersi in cammino verso Gerusalemme e mandò messaggeri davanti a sé.Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per preparargli l’ingresso. Ma essi non vollero riceverlo, perché era chiaramente in cammino verso Gerusalemme. Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?». Si voltò e li rimproverò. E si misero in cammino verso un altro villaggio.Mentre camminavano per la strada, un tale gli disse: «Ti seguirò dovunque tu vada». E Gesù gli rispose: «Le volpi hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo».A un altro disse: «Seguimi». E costui rispose: «Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio».Un altro disse: «Ti seguirò, Signore; prima però lascia che io mi congedi da quelli di casa mia». Ma Gesù gli rispose: «Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio».

Quello che sei per me (#dalvangelodioggi)

di don luigi maria epicoco

“Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto». Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio». Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».Poi, a tutti, diceva: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce ogni giorno e mi segua. Chi vuole salvare la propria vita, la perderà, ma chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà»”.

A servizio del dono di Cristo: chiamati a donare ciò che abbiamo ricevuto!

Parrocchia S.Agata V.e M. - Opera don Luigi Guanella - Ferentino - Telefono e fax: 0775395146; mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
site: www.parrocchiasantagata.com
social facebook box white 24social twitter box white 24friendfeedyoutube-logo

Twitter's page

News

New.VA

Francesco in Polonia: accogliere chi fugge da guerra e fame

La Polonia guardi con speranza e senza paura al futuro,...

Francesco a Cracovia: umanesimo europeo ha radici cristiane. Testo integrale

Il Papa ha pronunciato il suo primo discorso in terra...

Il Papa: il mondo è in guerra, non di religione ma per il potere

Il Papa ha iniziato nel pomeriggio il suo viaggio apostolico...

Papa prega sulla tomba di Giovanni Paolo II, il saluto dei rifugiati

Stamani, alle 10.00, Papa Francesco si è recato nella Basilica...

Francesco ai giovani: scegliete con coraggio il bene, create speranza

“Giocatevi la vita” diventando, come Dio chiede, creatori di “speranza”....

Apertura Gmg. Dziwisz ai giovani: vincete l’odio con la misericordia

L’attesa per la Gmg è finita. In un tweet lanciato...

Gmg. I giovani: qui c'è un fuoco che trasforma il cuore

Mentre l’Europa inanella quotidiane notizie di orrore, Cracovia si pone...

Papa: dolore e orrore per attacco a chiesa in Francia

Dolore e orrore del Papa per quanto accaduto oggi in...
News

Diocesi

Compassione e misericordia: il Buon Samaritano

Domenica 10 luglio leggeremo la parabola del buon samaritano: offriamo...

«Evangelii gaudium» incontro diocesano per concludere la riflessione annuale

Terminati gli appuntamenti a carattere vicariale sul testo di Papa...

Frosinone: Giubileo della Carità e Santi Patroni

Domenica scorsa abbiamo celebrato a Frosinone il "Giubileo della Carità"...