• Dio non ci sceglie a motivo della nostra “bravura”, ma proprio perché siamo e ci sentiamo piccoli.

  • particolare del campanile del XIII° sec.

    Benvenuto nel nostro sito!

  • Antifona del Venerdì Santo

    "Dal legno della Croce è venuta la gioia in tutto il mondo"

  • Consulta le nostre rubriche

    La nostra comunità web!

  • particolare della navata centrale

    Vuoi conoscere la storia della tua Chiesa?

  • dedicata alla Madonna dei Sette Dolori

    Cappella sotterranea

    Uno dei primi oratori cristiani della Città e primo luogo di sepoltura del Martire Ambrogio, patrono di Ferentino e della Diocesi
  • Coraggio!! Dio è nostro Papà e ci vuole bene!

  • Per noi Cristo si è fatto obbediente fino alla morte e a una morte di croce. Per questo Dio lo esaltò e gli donò il nome che è al di sopra di ogni nome.

    Gloria e lode a te, Cristo Signore!

Chi siamo...in breve

Al servizio del dono di Cristo: chiamati a donare ciò che abbiamo ricevuto!

Il nostro sito si è rinnovato nella grafica e snellito nei contenuti, in particolare abbiamo spostato il nostro archivio fotografico sul nostro profilo di Google Plus. Le nostre rubriche di storia, riflessione ed in generale tutta la struttura è stata resa più moderna, semplice e fruibile. Buona navigazione 3.0!

Riflessione sul Vangelo del giorno 

“Chiamati a sé i dodici discepoli, diede loro il potere di scacciare gli spiriti immondi e di guarire ogni sorta di malattie e d'infermità”. Il passaggio dei discepoli di Gesù non è mai indifferente. Un discepolo si porta addosso il potere, che non viene da lui, di liberare e guarire secondo una dimensione ampia e profonda. Il cristianesimo lascia il segno quando è autenticamente il cristianesimo di Gesù Cristo. Ma non è il segno di piantare bandierine da conquistatori, ma il segno di cambiare la realtà secondo un principio di libertà e guarigione. Per questo l’opera dei missionari non si è mai limitata a una semplice catechizzazione della gente loro affidata. Fin da subito hanno compreso che il passaggio del vangelo doveva portare per quella gente non solo informazioni su Gesù, ma soprattutto occasioni di liberazione e guarigione. Quando il beato Puglisi lavorava nella periferia di Palermo annunciando il Vangelo, ha subito compreso che quell’annuncio doveva riscattare concretamente quella gente dal male della mafia e dalla schiavitù della paura. Non l’ha fatto con degli striscioni o politicizzando il Vangelo, ma costruendo pazientemente luoghi di incontro, di riscatto, di educazione. Per questo lo hanno ucciso, perché liberava e guariva. Ma il Vangelo di oggi si conclude con un’indicazione che a prima vista può sembrare antipatica: “Non andate fra i pagani e non entrate nelle città dei Samaritani; rivolgetevi piuttosto alle pecore perdute della casa d'Israele. E strada facendo, predicate che il regno dei cieli è vicino”. Bisogna rivolgerci prima ai vicini e poi ai lontani, ma non per una preferenzialità che discrimina ma per un principio di carità che ci dice che anche la gente che ci vive accanto ha bisogno di essere evangelizzata e che a volte è più difficile portare il Vangelo a loro che a uno che è lontano. Ma in fondo annunciare significa dire che “il regno è vicino”, cioè costruire prossimità con tutto ciò che il Signore ci mette davanti. Matteo 10,1-7

Sezioni

Le nostre Rubriche

News

Resta aggiornato sulle attività parrocchiali consultando il nostro Blog, seguici!!

DAL 6 LUGLIO AL 17 LUGLIO

INSIEME È PIÙ BELLO
Avvisi
Gli appuntamenti per la settimana
  • Lunedì

    2020
  • Martedì

    2020
  • Mercoledì

    2020
  • Giovedì

    2020
  • Venerdì

    2020
  • Sabato

    2020
  • Domenica

    2020